Xi dice ai leader del sud-est asiatico che la Cina non cerca “l’egemonia”

Il presidente cinese Xi Jinping parla a un incontro per commemorare il 110º anniversario della Rivoluzione Xinhai presso la Grande Sala del Popolo a Pechino, Cina, 9 ottobre 2021. REUTERS/Carlos Garcia Rollins/File Photo

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato gratuito a reuters.com

  • La Cina non “terrorizzerà” i piccoli paesi – Xi
  • Duterte critica il comportamento della Cina nel Mar Cinese Meridionale
  • Il Myanmar non è rappresentato al vertice

PECHINO (Reuters) – Il presidente cinese Xi Jinping ha detto lunedì ai leader dell’Associazione delle nazioni del sud-est asiatico (Asean) a 10 nazioni che Pechino non “intimidirà” i suoi vicini regionali più piccoli, in mezzo alle crescenti tensioni nel sud. Mar Cinese.

Le rivendicazioni territoriali di Pechino sul mare si scontrano con quelle di molti paesi del sud-est asiatico e hanno suscitato preoccupazione da Washington a Tokyo.

Ma Xi ha affermato che la Cina non cercherà mai l’egemonia né utilizzerà le sue dimensioni per costringere i paesi più piccoli e lavorerà con l’ASEAN per eliminare “l’interferenza”.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato gratuito a reuters.com

“La Cina è stata, è e sarà sempre un buon vicino, un buon amico e un buon partner dell’Associazione delle nazioni del sud-est asiatico”, ha affermato Xi dai media statali a Chinsi.

L’affermazione della sovranità della Cina sul Mar Cinese Meridionale la contrappone ai membri dell’ASEAN, al Vietnam e alle Filippine, mentre Brunei, Taiwan e Malesia ne rivendicano anche parte.

Filippine giovedì condannato Le azioni di tre navi della guardia costiera cinese che hanno affermato di aver bloccato e utilizzato cannoni ad acqua su imbarcazioni di rifornimento dirette verso un atollo in mare occupato dalle Filippine.

READ  Gli Stati Uniti si dicono fiduciosi nella capacità di Taiwan di controllare COVID, nei colloqui sui vaccini

Gli Stati Uniti venerdì hanno descritto le azioni della Cina come “pericolose, provocatorie e ingiustificate” e hanno avvertito che qualsiasi attacco armato alle navi filippine invocherà gli impegni di difesa congiunti degli Stati Uniti. Per saperne di più

Il presidente filippino Rodrigo Duterte ha dichiarato al vertice ospitato da Xi di “odiare” la controversia e ha affermato che lo stato di diritto è l’unica via d’uscita dal conflitto. Ha fatto riferimento a una sentenza arbitrale internazionale emessa nel 2016 che ha concluso che la rivendicazione marittima della Cina sul mare non aveva base giuridica. Per saperne di più

“Questo non parla bene delle relazioni tra i nostri due Paesi”, ha detto Duterte, che lascerà l’incarico l’anno prossimo e che è stato criticato in passato per non aver condannato il comportamento della Cina nelle acque contese.

L’ASEAN comprende Brunei, Cambogia, Indonesia, Laos, Malesia, Myanmar, Filippine, Singapore, Thailandia e Vietnam.

Spettacolo proibito in Birmania

Xi ha detto al vertice che la Cina e l’ASEAN “si sono liberati delle tenebre della Guerra Fredda” – quando la regione era lacerata dalla grande competizione di potere e da conflitti come la guerra del Vietnam – e hanno mantenuto insieme la stabilità regionale.

La Cina critica spesso gli Stati Uniti per il loro “pensiero alla Guerra Fredda” quando Washington ingaggia i suoi alleati regionali per resistere alla crescente influenza militare ed economica di Pechino.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden si è unito ai leader dell’ASEAN in un vertice virtuale a ottobre e ha promesso un maggiore impegno con la regione. Per saperne di più

Il ministro degli Esteri malese Saifuddin Abdullah ha dichiarato lunedì che il vertice si è tenuto senza un rappresentante del Myanmar. Il motivo della mancata partecipazione non è stato immediatamente chiaro e un portavoce del governo militare del Myanmar non ha risposto alle chiamate in cerca di commenti.

READ  L'Iran afferma che l'attacco informatico ha chiuso le stazioni di servizio in tutto il paese

L’ASEAN ha messo da parte il leader della giunta birmana Min Aung Hlaing, che ha condotto una sanguinosa campagna contro l’opposizione da quando ha preso il potere il 1° febbraio, dai vertici virtuali del mese scorso per la sua incapacità di compiere progressi nell’attuazione di un piano di pace concordato, in un’esclusione senza precedenti del blocco . .

Il Myanmar ha rifiutato di inviare rappresentanti minori e ha incolpato l’ASEAN per la sua partenza dal principio di non interferenza e sottomissione alle pressioni occidentali.

Fonti diplomatiche hanno affermato che la Cina ha fatto pressioni su Min per partecipare al vertice. Per saperne di più

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato gratuito a reuters.com

Segnalazioni aggiuntive di Gabriel Crossley, Rosanna Latif e Martin Petty; Montaggio di Stephen Coates

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

You May Also Like

About the Author: Michele Monaldo

"Studente devoto. Nerd certificato di Internet. Fan dei social media. Esperto di cultura pop. Studioso di bacon impenitente."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *